[Logo] Spazio Aperto Sella.it
[Register] Registrati   [Login] Login    
[Search] Ricerca   [Recent Topics] Argomenti Recenti   [Hottest Topics] Argomenti vivaci  
[Banner Pubblicitario]
multicurrency senza imposte 20%?  XML
Indice dei Forum » Conti Trading On Line
Autore Messaggio
maestrale942


Registrato: 30/03/2016 10:22:56
Messaggi: 4
Offline

Ciao Elena. Intanto grazie per la risposta. Ma mi chiedo: come può il cambio MINIMO essere penalizzante? Si parla del cambio minimo dell'anno di rierimento. Forse qualcosa mi sfugge. Potresti cortesemente indicarmi quale dovrebbe essere il cambio minimo 2015 (che a me risulta essere appunto 1,0736)? Dov'è che sbaglio?

http://cambi.bancaditalia.it/cambi/cambiMedieM.do;jsessionid=jA5L7Ho3UzuHJiB+Ihl30yxP.JBossCantif

Io ho ceduto valuta (dollari) nelle date seguenti: 23/3/2015 - 31/3/2015 - 22/9/2015 - 27/10/2015 e 6/11/2015. Ti sarei oltremodo grato se mi indicassi quali sono i cambi minimi da applicare rispettando il dettato del TUIR. Grazie di cuore.

This message was edited 2 times. Last update was at 01/04/2016 13:54:16

elena.papurello


Registrato: 30/09/2015 10:46:13
Messaggi: 287
Offline

Ciao maestrale942, il cambio minimo è penalizzante per il contribuente in quanto è il cambio più basso applicato, in questo caso il controvalore in euro è minore rispetto al controvalore che ha l'operazione applicando il cambio alla stipula del contratto di compravendita. Il cambio da prendere in considerazione, come ipotesi residuale nel caso in cui il costo di acquisto non possa essere documentato, come stabilito dal TUIR, è il cambio minimo mensile approvato dall'Agenzia delle Entrate e pubblicato sul loro sito. In caso contrario viene applicato il metodo di calcolo previsto dal TUIR che si basa sulla documentazione prodotta dal contribuente.
Per le operazioni che hai riportato, trattandosi di cessioni di valuta e non di acquisti non è possibile applicare il cambio minimo previsto dal metodo residuale. Per le cessioni, occorre infatti assumere il cambio della singola operazione. E’ solo con riferimento agli acquisti di valuta che, in mancanza della documentazione, si può assumere come costo "il valore della valuta al minore dei cambi mensili” dell’anno cui si riferisce l’adempimento dichiarativo.
Trattandosi, infine, di regime dichiarativo, la Banca può fornire indicazioni di massima in merito al disposto normativo, ma non può prestare assistenza al contribuente per la determinazione delle singole plus/minusvalenze; per questi aspetti dovrai fare riferimento al tuo professionista di riferimento.

Elena - Team GBS
maestrale942


Registrato: 30/03/2016 10:22:56
Messaggi: 4
Offline

Grazie ancora. Ma ciò che chiedo è solo se il cambio minimo da me indicato per il 2015 è corretto. Per le cessioni, non chiedevo il controvalore in euro che ovviamente conosco, bensì quale cambio applicare a quelle somme per il valore di carico. Cioè quale è questo cambio minimo? Ti pregherei solo di darmi un'indicazione in questo senso. Non chiedo assistenza fiscale. Sto solamente tentando di diradare la nebbia. Per questo ti chiederei un esempio pratico. Grazie ancora.
elena.papurello


Registrato: 30/09/2015 10:46:13
Messaggi: 287
Offline

Ciao maestrale942, il cambio minimo dell'anno comunicato dall'Agenzia delle Entrate è quello da te indicato. Per le cessioni non è possibile utilizzare il metodo del cambio minimo ma si applica il cambio della singola operazione mentre per gli acquisti, solo nel caso in cui non sia possibile documentare l'operazione, è possibile indicare il cambio minimo del mese comunicato dall'Agenzia delle Entrate. Questi cambi minimi li puoi trovare sul sito dell'Agenzia delle Entrate sotto la voce provvedimenti, andando a fare una ricerca per i singoli mesi.

Elena - Team GBS
maestrale942


Registrato: 30/03/2016 10:22:56
Messaggi: 4
Offline

Data la semplicità dell'operazione, a parer mio è la strada da seguire. Intanto ti ringrazio molto per la disponibilità e cortesia.
sempronio


Registrato: 19/04/2011 20:54:07
Messaggi: 96
Offline

la giacenza complessiva di tutti i depositi e conti correnti in valuta intrattenuti sia superiore a 51.645,69 euro per almeno 7 giorni


Per giacenza si intende il saldo contabile ?, disponibile ?.
Devo conteggiare anche i titoli in valuta straniera ?
I 7 giorni sono solari o lavorativi?

Faccio un'esempio per meglio chiarire, il giorno 02/01/2016 compro 100000 USD .
1) dopo 3 giorni lavorativi compro 90000 USD di titoli in valuta straniera

2) dopo 8 giorni lavorativi compro 80000 USD di titoli USD
trascorsi 7 giorni lavorativi ho una disponibilità di 20000 USD

Se non devo conteggiare i titoli sono esonerato dal dichiarare ?

Grazie

cordiali saluti


sara.fabbro


Registrato: 15/04/2010 19:13:00
Messaggi: 433
Offline

Buongiorno sempronio,
per "giacenza media" si intende il saldo conteggiato per data contabile che deve essere superiore a 51.645,69 per sette giorni lavorativi consecutivi. Sono conteggiate solo le giacenze dei conti valutari, mentre non sono considerati i titoli denominati in valuta estera, per i quali il differenziale cambio concorre, insieme al differenziale prezzo, alla formazione della plus/minus complessiva.

Sara - Team GBS

diego biasi


Registrato: 22/01/2017 15:30:42
Messaggi: 1
Offline

Buongiorno,

Con riferimento ai conti multicurrency detenuti da soggetti italiani presso banche italiane, avrei i seguenti dubbi:

1) nel caso di conto corrente cointestato a 3 soggetti, come si deve considerare l importo di Euro 50.000 oltre il quale scatta l obbligo dichiarativo?

2) nel caso di supero del predetto importo, ci sono ancora obblighi dichiarativi ai fini del quadro RW?

Grazie
Diego
elena.papurello


Registrato: 30/09/2015 10:46:13
Messaggi: 287
Offline

Ciao diego biasi, la soglia dei 51.645,69 euro (per almeno 7 giorni lavorativi consecutivi) vale per ciascun contribuente (codice fiscale).
In caso di conto cointestato, quindi, viene considerata la quota parte di ciascun cointestatario. Ai fini della dichiarazione, inoltre, ogni intestatario dovrà tenere conto anche della propria quota di eventuali altri conti valutari, anche presso altri intermediari.
Ti confermiamo, infine, che se si tratta di conti valutari trattenuti in Italia presso intermediari italiani, non sorgono obblighi in relazione al quadro RW.
Restiamo a disposizione, buona giornata!

Elena - Team GBS
bitcoiner


Registrato: 13/02/2017 17:02:51
Messaggi: 2
Offline

se io vendo Bitcoin su un exchanger estero e prelievo sul mio conto corrente gli euro derivati da tale vendita, come devo dichiararli al fisco?
devo dichiarare nel quadro RW anche il mio account presso l'exchanger ( ad esempio bitstamp.com)?
vale anche in questo caso quanto detto sopra ?

anche il denaro contante che ho magari in cassaforte a casa mia rientra nel calcolo della giacenza superiore a 51.645,69 ?

This message was edited 1 time. Last update was at 13/02/2017 17:10:52

elena.papurello


Registrato: 30/09/2015 10:46:13
Messaggi: 287
Offline

Ciao bitcoiner, come risulta dalla Risoluzione n. 72/E del 2016, l’Agenzia delle Entrate ha ricordato che "la tassazione ai fini delle imposte sul reddito dei clienti della Società, persone fisiche che detengono i bitcoin al di fuori dell’attività d’impresa, si ricorda che le operazioni a pronti (acquisti e vendite) di valuta non generano redditi imponibili mancando la finalità speculativa”, se non nei casi in cui la valuta estera sia prelevata da depositi o conti correnti (denominati in tale valuta).
Non ci risulta che i bitcoin, per quanto ormai equiparabili a valuta, siano registrati su depositi o conti correnti. Nel quadro RW, inoltre, ti confermiamo che vanno dichiarate le attività finanziarie detenute all’estero; non rilevano, a tal fine, le attività detenute in cassette di sicurezza che si trovino fisicamente in Italia.
Per maggiori delucidazioni ti consigliamo, però, di rivolgerti ad un consulente fiscale per la compilazione del modello.
Buona serata.

Elena - Team GBS
bitcoiner


Registrato: 13/02/2017 17:02:51
Messaggi: 2
Offline

elena.papurello wrote:Ciao bitcoiner, come risulta dalla Risoluzione n. 72/E del 2016, l’Agenzia delle Entrate ha ricordato che "la tassazione ai fini delle imposte sul reddito dei clienti della Società, persone fisiche che detengono i bitcoin al di fuori dell’attività d’impresa, si ricorda che le operazioni a pronti (acquisti e vendite) di valuta non generano redditi imponibili mancando la finalità speculativa”, se non nei casi in cui la valuta estera sia prelevata da depositi o conti correnti (denominati in tale valuta).
Non ci risulta che i bitcoin, per quanto ormai equiparabili a valuta, siano registrati su depositi o conti correnti. Nel quadro RW, inoltre, ti confermiamo che vanno dichiarate le attività finanziarie detenute all’estero; non rilevano, a tal fine, le attività detenute in cassette di sicurezza che si trovino fisicamente in Italia.
Per maggiori delucidazioni ti consigliamo, però, di rivolgerti ad un consulente fiscale per la compilazione del modello.
Buona serata.


Grazie.
Quindi exchanger tipo bitstamp.com non sono considerati depositi o conti correnti ?

This message was edited 1 time. Last update was at 14/02/2017 20:01:51

virginia.euro


Registrato: 23/11/2016 13:50:10
Messaggi: 50
Offline

bitcoiner wrote:
elena.papurello wrote:Ciao bitcoiner, come risulta dalla Risoluzione n. 72/E del 2016, l’Agenzia delle Entrate ha ricordato che "la tassazione ai fini delle imposte sul reddito dei clienti della Società, persone fisiche che detengono i bitcoin al di fuori dell’attività d’impresa, si ricorda che le operazioni a pronti (acquisti e vendite) di valuta non generano redditi imponibili mancando la finalità speculativa”, se non nei casi in cui la valuta estera sia prelevata da depositi o conti correnti (denominati in tale valuta).
Non ci risulta che i bitcoin, per quanto ormai equiparabili a valuta, siano registrati su depositi o conti correnti. Nel quadro RW, inoltre, ti confermiamo che vanno dichiarate le attività finanziarie detenute all’estero; non rilevano, a tal fine, le attività detenute in cassette di sicurezza che si trovino fisicamente in Italia.
Per maggiori delucidazioni ti consigliamo, però, di rivolgerti ad un consulente fiscale per la compilazione del modello.
Buona serata.


Grazie.
Quindi exchanger tipo bitstamp.com non sono considerati depositi o conti correnti ?




Ciao bitcoiner, in base a quanto dichiarato dall'Agenzia delle Entrata risultava che la "valuta virtuale «bitcoin» non abbia altre finalità oltre a quella di un mezzo di pagamento” e che la stessa viene registrata in un "wallet"; non si rientrerebbe, quindi, nella definizione civilistica di "deposito o conto corrente”. Ti consigliamo comunque di verificare il tuo caso specifico con un consulente fiscale. Buona giornata

Virginia - Team GBS
 
Indice dei Forum » Conti Trading On Line
Vai a:   
E.t.v.s.p.b WLS11G